Nuovi paladini del cambiamento. Chi sono?

Un sondaggio di percezione tra gli studenti universitari italiani, curato dal Dipartimento di Statistica dell’Università di Udine, tenderà a stabilire quale personaggio viene riconosciuto tra le nuove generazioni come una figura di grande visionario capace di determinare i grandi cambiamenti di un paese.

La grande crisi economica del XXI secolo sembra aver generato una perdita di riferimenti culturali ed economici in tutti i settori. Ci si interroga, dunque, se vi sono ancora i grandi visionari che nel passato hanno caratterizzato i cambiamenti sociali favorendo una crescita diffusa delle democrazie in una buona parte del mondo. Ci si interroga anche se vi siano ancora personalità capaci di ispirare la libertà di pensiero e di azione responsabile alla John Keating, il professore con i suoi insegnamenti originali nel film L’attimo fuggente, o se vi siano ancora geni creativi alla Steve Jobs. Chi sono, dunque, le personalità contemporanee che hanno la capacità di mostrare e indicare i nuovi sentieri da percorrere? Il Festival della Conoscenza di Udine, con la partecipazione della Consulta Provinciale degli Studenti di Udine, vuole individuare i “Visionari del nostro secolo” attraverso il contributo delle giovani generazioni che avranno bisogno di punti di riferimento per vincere la sfida del proprio futuro. 

I 40 visionari con la matita

Sono 40 i lavori inviati dagli illustratori che hanno aderito al concorso GuardareOltre bandito da Conoscenza in Festa che si svolgerà ad Udine dall’1 al 3 Luglio prossimo. L’iniziativa promossa dall’Università di Udine e dalla Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, in collaborazione con la Fondazione Crup e la partecipazione di Swarovski Optik Italia, è stata curata da Goodidea Style. Ora la parola passa alla giuria che dovrà selezionare il vincitore tra le 40 proposte che dovevano interpretare il concetto di "uomini visionari” capaci di gettare lo sguardo più in lungo grazie alla loro sete di conoscenza. Ora la parola passa alla giuria presieduta da Gabriel Pacheco, pittore ed illustratore messicano diventato famoso per il suo stile visionario e surreale, vincitore dell’Astrid Lindgren Memorial Award e curatore della Mostra Internazionale per l’Infanzia di Sàrmede. Le immagini di Pacheco hanno fatto il giro del mondo “portate” dai libri di R. Kipling con “El libro de la selva” e “Frida Kahlo, una storia possibile” di Maria Baranda o le copertine de “L’arte del romanzo” di Milan Kundera.

La Rai Media Partner di Conoscenza in Festa

Siglata una partnership tra la Rai, l’Università di Udine e il Segretariato Generale della Crui per la seconda edizione di Conoscenza in Festa che si terrà dall’1 al 3 Luglio prossimo. La Direzione Comunicazione dell’azienda radiotelevisiva di Viale Mazzini, a cui è stato chiamato Giovanni Parapini per disegnare le nuove strategie di comunicazione, in una nota inviata al Segretario Generale della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, Alberto F. De Toni, ha stigmatizzato “la necessità di rendere più fluido il dialogo tra università, imprese ed enti territoriali. Rai Corporate, in linea con la sua mission di servizio pubblico - si legge ancora nella nota - si fa parte attiva del progetto ed assume il ruolo di Main Media Partner”.  

La conoscenza libera il futuro del paese

Dopo il successo del 2015, Conoscenza in Festa torna a Udine come grande progetto di alleanza fra tutti i soggetti che in Italia producono e distribuiscono conoscenza.
La conoscenza è una risorsa “ribelle”, generativa, che non si consuma con l’uso, anzi più si usa e più si moltiplica, così ogni volta che si attua uno scambio di conoscenza tra due persone la risorsa raddoppia. Conoscenza in Festa è diventata un grande acceleratore di conoscenza, in grado di consentire a tutti i suoi partecipanti, cittadini, professori ed insegnanti, professionisti, imprenditori, amministratori e politici, organizzazioni pubbliche e private, di mettere a sistema il loro desiderio di conoscenza e di attivare nuovi metodi e nuovi saperi. I processi di creazione e di difusione della conoscenza sono un fattore fondamentale non solo per la crescita della produttività e quindi del reddito nazionale, ma anche per la crescita culturale, civile e sociale del paese, creando un ulteriore circolo virtuoso ricorsivo: conoscenza, cultura, democrazia, equità.

La conoscenza è la risposta a tutti i problemi del mondo.
La conoscenza libera il futuro di tutti noi.

 

Alberto Felice De Toni, Rettore dell'Università di Udine

Iader Giraldi, Direttore Artistico Conoscenza in Festa

 

Video trailer prima edizione Conoscenza in Festa - 3,4,5 luglio 2015

fondazione grup ministero istruzione

bannersponsorbasso def 10

 

Si ringraziano, in particolare, Comune di Spilimbergo, Pro Loco di Premariacco, Rizzani De Eccher, Udine e Gorizia Fiere Spa, Arcidiocesi di Udine, Filologica Friulana, Pixel Srl, Delta Studios, Music Team

Copyright © 2017 CONOSCENZAinFESTA. Web developer & designer Zeranta Edutainment. Tutti i diritti riservati.