Summer School Filosofia

 

Sabato 2 luglio

Summer School di Filosofia
Casa Cavazzini

 

10.00 - 12.00 Mente, macchina e libero arbitrio

L’idea che una macchina, prodotto dell’uomo, possa essere, al tempo stesso, un ente artificiale scientificamente dominabile e un sostituto perfezionato delle facoltà umane è un’idea che ha ormai una lunga storia: un’idea affascinante quanto confusa. Essa implica da un lato una visione di riduzionismo radicale nei confronti della natura della mente, dall’altro abbina tale riduzionismo a una visione quasi escatologica dei poteri della tecnologia, che mal si concilia con le premesse riduzioniste. È possibile dimostrare come la possibilità di un orizzonte tecnologico radicalmente aperto sia compatibile solo con una teoria anti-riduzionista che accetta proprietà emergenti sul piano ontologico. Al contempo l’accettazione di proprietà emergenti rende la mente irriducibile a ciò che intendiamo come ‘macchina’, rendendo anche obsoleta l’idea di un controllo teorico e di principio del creatore sulla ‘creatura artificiale’. Andrea Zhok (Filosofo, Università di Milano)

 

 

15.00 - 17.00 Sulla singolarità cognitiva

La vera vocazione del computer è la connessione di persone, macchine e cose a formare una Creatura Planetaria sede di un’intelligenza connettiva sempre più diffusa e raffinata. Già nel 1956 Pierre Teilhard de Chardin illustrò una prospettiva del genere e chiamò Punto Omega la fusione di tutte le intelligenze naturali e artificiali. Di recente Raymond Kurzweil ha parlato di Singolarità con riferimento a una vera e propria esplosione di intelligenza che coinvolgerà tutto l’Universo. Giuseppe O. Longo (Filosofo e matematico, Università di Trieste)

 

22.30-00.00 Aspettando Robot, Loggia del Lionello

Loggia dell'Innovazione

Idee e visioni attorno a qualcosa che verrà

Un progetto di Giovanni La Varra e Andrea Tabarroni per la Summer School di Filosofia diretta da Luca Taddio; con la collaborazione di Lara P. G. Gallonetto e Elisabetta Paviotti

Come i personaggi di Beckett attendiamo perplessi che la tecnologia faccia il passo che, al momento, ha solo promesso. Che uomini e donne di sintesi, esseri biomimetici, condividano con noi lo spazio e il tempo, la dimensione pubblica e quella domestica.

“Aspettando Robot” è una serata rassegna di idee e sguardi sul futuro che viene, un modo per aggredire questa attesa e iniziare a sviluppare forme di pensiero per prepararsi a questa convivenza.

Viene chiesto a imprenditori, storici, filosofi, architetti, ingegneri, artisti, giornalisti, scrittori, di raccontarci come si può stabilire una forma di relazione con il mondo che viene.

I Robot hanno iniziato a farci delle domande, è il caso di cominciare a immaginare delle risposte.

EXPERIENCE
BANCO DEI SAPERI
OSPITI
ITALIAN TEACHER PRIZE
fondazione grup ministero istruzione

bannersponsorbasso def 10

 

Si ringraziano, in particolare, Comune di Spilimbergo, Pro Loco di Premariacco, Rizzani De Eccher, Udine e Gorizia Fiere Spa, Arcidiocesi di Udine, Filologica Friulana, Pixel Srl, Delta Studios, Music Team

Copyright © 2017 CONOSCENZAinFESTA. Web developer & designer Zeranta Edutainment. Tutti i diritti riservati.